Essere freelance, Tools, Visual Design

Come trovare le immagini migliori per il tuo sito o il tuo blog

Saper trovare le immagini giuste per il tuo sito o il tuo blog e utilizzarle correttamente è un compito difficile che vede impegnati quotidianamente tantissimi blogger. Ecco svelata una mini guida per come fare in modo semplice ed efficace.

 

Ammettiamo che se hai un blog da gestire, se devi creare un sito da zero o anche se devi animare una pagina Facebook ci sono un sacco di cose a cui pensare. Cosa scrivo? Come lo scrivo? Devo mettere la mia foto? E se la prendessi da internet? Di che qualità devono essere le mie immagini? Posso inserire un video? 

Oggi nascono 571 nuovi siti internet al minuto: non puoi dunque lasciare più nulla al caso.


Chiediti subito:

Le foto che uso sono in linea con il marchio del mio sito web?

Sono state formattate e dimensionate correttamente per il web?

Come unisco la dimensione del file alle informazioni dettagliate per scopi SEO?

Infine, sono sicuro di avere i diritti legali per utilizzare quella foto sul mio blog?

 

Ho intenzione di dividere questo post in alcuni temi generali, in modo da mettere un po’ di ordine all’argomento. Ti spiegherò dunque:

  1. Dove trovare buone foto e immagini, sia gratuite che a pagamento.
  2. Come selezionare le immagini migliori per il tuo brand. A volte, infatti, una brutta foto può rovinare un ottimo post.
  3. Gli aspetti tech dell’utilizzo di foto e immagini. Dimensioni, smushing, ridimensionamento e utilizzo di foto corrette per SEO e per display retina.
  4. Consigli e risorse sulle questioni legali

 

Sei pronto? Cominciamo!

 

1. Dove trovare le foto e le immagini per il tuo sito o blog

Ci sono tantissime possibilità per reperire buone foto, molte di più di quanto si pensi – anzi, il tradizionale sito di fotografie in stock è davvero uno degli ultimi posti in cui guardare.

Scatta le tue foto

La prima e la migliore opzione per il tuo blog è scattare foto con la tua macchina fotografica. Questo significa che ogni foto scattata è di tua proprietà ed è un pezzo unico di contenuti per scopi SEO. Io personalmente amo usare una macchina fotografica reflex Canon per ottenere immagini di alta qualità per i miei blog e progetti di social media. Senza dubbio è stato un investimento meraviglioso.

 

Immagini-per-blog-scatta-foto

Flickr | Photos by Hugo Chisholm

 

Ecco alcune delle principali ragioni per cui credo che ogni blogger dovrebbe cercare di imparare a fare fotografie su una fotocamera di qualità:

  • Abbatti i costi di gestione
    Certo, c’è un discreto esborso iniziale, ma lo ammortizzi nel tempo e non pagherai per ogni scatto che desideri utilizzare per i tuoi materiali di marketing. E poi, male che vada, riuscirai a fare delle foto fantastiche durante i tuoi viaggi o alla tua famiglia, componendo degli ottimi fotolibri.
  • Aumenta la percezione del tuo brand
    Se fai buone foto, le persone che conosci le condivideranno senza limiti. Questo contribuirà a migliorare il tuo blog e portarlo al livello successivo. Non esiste infatti nessun fashion blog di successo, per esempio, che non posti foto di proprietà.
  • Più contenuti al tuo sito
    Le foto sono soprattutto contenuti. Se stai mettendo le tue foto online, le aggiungerai alla lista dei modi e delle competenze che puoi venderti.
  • Le foto funzionano, catturano l’attenzione
    Anche se utilizzi la fotocamera del tuo smartphone con un filtro funky hai buone chances di trovare nuove fonti di traffico se le tue immagini sono interessanti o se gli abbini una citazione pertinente.
  • Nessun mal di testa sul copyright  
    È possibile utilizzare una mia immagine nel mio logo? Nella pubblicità? Se hai scattato tu la foto allora puoi ne fare quello che vuoi. Facile.
  • Puoi guadagnarci qualcosa
    Inserisci le tue foto su un sito come Dreamstime e, se la gente le compra, puoi guadagnare una commissione. Non sono molti soldi, ma se sei bravo a fotografare e a inserire molte foto, hai più probabilità di guadagnare. Però non lasciare che questa attività diventi una distrazione dal tuo blog, rischierai di fallire con entrambi.
  • Sfrutta una partnership
    Sicuramente ci sono un sacco di fotografi professionisti in erba che potrebbero essere interessati a collaborare con il tuo blog, al fine di ottenere un po’ di promozione in più. Fai una ricerca su Google sui fotografi nella tua città o inserisci un annuncio tra amici su Facebook per cercare un partner gratis.

 

2. Come commissionare nuove immagini


Se non hai foto di tua proprietà o se vuoi inserire delle grafiche o delle infografiche (che vanno molto di moda ultimamente) è possibile chiamare il tuo grafico di fiducia (ehy, ci sono anche io, vedi pure il mio sito) oppure utilizzare un sito come 99designs che ti permette di creare un pitch per diversi designer, artisti e creativi. Si tratta di una comunità vivace e ci sono un sacco di persone di talento che lavorano lì, il che significa che è possibile accedere a una grande varietà di stili.

Questo è un modo davvero facile e sorprendente per ottenere della grafica di qualità, anche se mi preoccupa la modalità di lavoro a “concorso” perché ci sono numerosi creativi che creano intere grafiche per poi non essere pagati perché si è semplicemente scelto un altro vincitore. Mi sembra un po’ ingiusto, ma, naturalmente, tutti coloro che partecipano lo fanno volontariamente.

 

infografiche

Google Images

 

Cosa succede se non voglio scattare foto o commissionare le mie immagini?

Siamo onesti: non tutti hanno il tempo o la voglia di scattare foto o fare nuove grafiche per ogni post sul blog. A volte vorremmo solo andare su un sito web e trovare la foto giusta da pubblicare il più presto possibile.

Ci sono davvero decine di buoni siti web che forniscono foto gratis.

Scarica qui la lista/memorandum da conservare con l’elenco dei siti che forniscono immagini gratis da spulciare ogni volta che vuoi:

 

 

3. Come selezionare le migliori foto per il tuo sito

Non appena qualcuno atterra sul tuo blog sentirà un feeling particolare con il tuo brand e sicuramente una buona prima impressione avrà un forte impatto sull’interazione dell’utente con i contenuti. Le foto svolgono un ruolo importante in tutto ciò.

La prima cosa che sento di consigliarti è di evitare di usare solo foto di archivi fotografici, che chiunque può comprare da un sito di stock photography e che trasmettono una sensazione di freddezza e di noia. Sfondi spesso bianchi o situazioni impersonali non invitano gli utenti a leggere i contenuti.

Cerca di pianificare ciò che vuoi comunicare con le tue foto e ricorda che parleranno a diversi segmenti della community web. 

Mixa bene foto, grafiche, citazioni, infografiche per proporre sempre cose diverse. Condividi il Tweet

Se visiti i siti top nella tua nicchia, noterai una differenza enorme con le foto prese da stock.

 

A sinistra un'immagine di un post su Justcreative.com, a destra un'immagine da stock con tema "logo design"

A sinistra un’immagine di un post su Justcreative.com, a destra un’immagine da stock con tema “logo design”

 

Qui sopra vedi due foto con lo stesso tema “logo design“. Quella di sinistra viene dal sito Justcreative.com, rielaborata a mano dal blogger per comunicare quanto il logo della Walt Disney non sia così responsive come ci fanno credere. Quella di destra è presa dal sito di stock Shutterstock, con lo stesso tema. Come vedi quella di destra fa molta più fatica a comunicare. Il logo Opel potrebbe avere una moltitudine di significati, come anche non voler dire niente a chi lo guarda.

 

 

3. Gli aspetti tecnici

Okay, questa parte ti sembrerà un po’ noiosa, ma in realtà è molto importante per utilizzare le immagini correttamente. Quando pensi agli aspetti tecnologici devi ricordare tre cose:

  1. Come l’immagine appare al lettore
  2. Come quell’immagine funziona su ogni computer
  3. Come l’immagine è ricercata su Google

 

Che tipi di file di immagine bisogna usare?
Quando crei un’immagine devi, ovviamente, salvarla in un formato compatibile ed utilizzabile sul web. Ci sono solo tre tipi di file rilevanti per i blogger: PNG, JPEG e GIF.

La JPG è ottima per il web, ma perde qualità perché è un’immagine compressa. Su web si salva per lo più a 72dpi che è un formato poco adatto per la stampa. Quindi se un domani vorrai creare un qualcosa di cartaceo con le foto del tuo blog, stai attento alla risoluzione.

La GIF è in genere utilizzata per piccole animazioni da caricare sui social. Ha solo 256 colori, per cui perde di qualità: non conviene usarla per immagini che non siano movimenti.

La PNG è di sicuro la scelta migliore per il web. Permette di memorizzare più di 16 milioni di colori, non perde qualità con la compressione e permette sfondi trasparenti, cosa che la .jpg non fa.

Qui c’è un elenco di tutti i formati, per un ulteriore approfondimento.

 

Conviene ridurre o aumentare le dimensioni del file?
Come è logico, se devi creare un’immagine di intestazione per tutta la larghezza di uno schermo, avrai bisogno di un file di dimensioni maggiori, perché dovrai coprire più pixel. Per gli articoli, invece, puoi risparmiare kb comprimendole fino a circa l’85% – 90% senza alcuna perdita di qualità, per farle stare al di sotto dei 100kb.

Ricorda che più sono pesanti le immagini sul tuo sito e più tempo ci vorrà per caricare la pagina, quindi non puoi trascurare questo dettaglio. Dal momento che la maggior parte degli utenti naviga da smartphone (con GB di traffico limitati), se la tua pagina non si carica entro pochissimi secondi, tenderà a chiudere e a passare oltre.

 

pixels retina-1

Se stai usando un Mac con un display Retina potresti aver notato che un sacco di foto e immagini sembreranno un po’ sfocate. Infatti il display retina è un’invenzione Apple che raddoppia essenzialmente i pixel per area, come nell’immagine in alto. Qualora uno schermo normale ha un pixel solo, un display retina avrà quattro. Il risultato è che le immagini sono visualizzate al doppio della loro dimensione.

Qui trovi davvero un buon tutorial (in inglese) su come utilizzare creare immagini per retina display.

 

Utilizzare il tag alt sulle immagini

Quando carichi un’immagine sul tuo blog è bene aggiungere una descrizione alt per aiutare Google a sapere che cosa rappresenta quella foto. Questo è un fattore SEO molto importante per foto e immagini.

img src=”dog.jpg” width=”125″ height=”60″ alt=”Cane dal pelo nero”

 

4. Gli aspetti legali

Quando si parla di aspetti legali per le fotografie e immagini, la cosa principale che si sta facendo è leggere la policy dei vari siti da cui stai copiando. Ogni foto può essere diversa, ogni fotografo è diverso e le conseguenze di un errore possono farti perdere diversi soldini.

Il gioco in sostanza funziona all’incirca nello stesso modo per la maggior parte dei luoghi in tutto il mondo: quando viene scattata una foto, la persona che ha scattato possiede il copyright per quell’immagine. Ci sono alcune eccezioni (come per i fotoreporter), ma in generale chi ha scattato ne detiene i diritti.

Il fotografo può quindi concedere licenze con le quali altre persone possono utilizzare la stessa foto in determinate circostanze e in determinate condizioni.

I blogger devono barcamenarsi tra tre opzioni: Royalty Free, Creative Commons e Public Domain. Tuttavia, anche queste hanno le loro restrizioni e condizioni.

  • Royalty Free = grossomodo vuol dire Esente da diritti
    Questa è la clausola che si trova sulla maggior parte dei siti web di stock photo, dove si paga una tassa una sola volta per poter utilizzare la foto senza restrizioni. Non è però possibile rivenderle a terzi o utilizzarle come parte del tuo marchio. Come dice Wikipedia: Le limitazioni della licenza possono riguardare il numero di copie riprodotte (si parla comunque di diverse centinaia di migliaia di copie riproducibili, ad esempio 500.000), il numero di persone che possono utilizzare il file (la licenza è personale e non trasferibile) ed il tipo di materiale sul quale il file viene riprodotto; per superare questi limiti esistono estensioni della licenza che permettono di riprodurre il file illimitatamente, da parte di più persone e su prodotti particolari.
  • Creative Commons
    Creative Commons è in realtà un non-profit che ha messo a punto alcune licenze che permettono ai fotografi di mettere il loro materiale sul web e permetterne il riuso creativo nel pieno rispetto delle leggi esistenti. Ci sono diverse licenze diverse (Attribution, Non commerciali, etc.) e fotografo può sceglierne una o più. La policy di Flickr ne fa una buona sintesi. Bisogna ovviamente sempre indicare l’autore dell’opera (attributo obbligatorio) in modo che sia possibile attribuirne la paternità.
  • Public Domain = Di pubblico dominio
    Questa modalità praticamente non prevede alcun diritto d’autore. Capire a quale licenza appartiene una foto presa dal web può essere difficile ed è per questo che è importante scaricare le tue foto da fonti fidate dove sei sicuro di sapere cosa sta succedendo.

 

 

Che cosa può accadere se te ne freghi
Non basta prendere le immagini da Google Immagini e dare scontato che sono utilizzabili. Potrebbero non esserlo e, onestamente, non è molto giusto appropriarsi del lavoro di un fotografo e utilizzarlo senza compenso né credito.
Purtroppo, alcuni fotografi fanno soldi anche attraverso cause legali. Passano il loro tempo alla ricerca di usi impropri delle loro immagini e utilizzano le lettere degli avvocati per ottenere risarcimenti da proprietari di siti web (a volte arrivano a chiedere anche 5.000€ per immagine!).

 

Come essere sempre sicuro
Non usare mai un’immagine se non ne conosci la sua licenza e, comunque, metti sempre un credito di default.
Per essere ancora più sicuro, scatta da solo le tue immagini e… buon divertimento!

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Sì? Allora seguimi su Google Plus!

Lo sapevi che a seguirmi su Google Plus si diventa più fotografi?
Se trovi questo articolo utile, che cosa ti costa fare click sul pulsante Segui G+? Share the love!

E non dimenticare di condividerlo sugli altri social! Pena: un anno di immagini da stock.